Bullismo e cyberbullismo

PROTEGGERSI DAL BULLISMO E DAL CYBERBULLISMO Il nostro manuale di istruzioni contro il bullismo

Descrizione

  • PROTOCOLLO DI INTERVENTO IC TRAVAGLIATO – (Vedi Allegato)

DAL BULLISMO AL CYBERBULLISMO

  • 2021: Linee di orientamento per la prevenzione e il contrasto del cyberbullismo nelle scuole – (Vedi Allegato 6)
  • 2019: Linee guida per l’uso positivo delle tecnologie digitali e la prevenzione dei rischi nelle scuole – (Vedi Allegato 5)
  • 2017: Linee di orientamento per la prevenzione e il contrasto del cyberbullismo nelle scuole – (Vedi Allegato 4)
  • 2017: Legge 71: Disposizioni a tutela dei minori per la prevenzione ed il contrasto del fenomeno del cyberbullismo – (Vedi Allegato 3)
  • 2015: Linee di orientamento per azioni di prevenzione e di contrasto al bullismo e al cyberbullismo – (Vedi Allegato 2)
  • 2007: Linee di indirizzo generali per la prevenzione e la lotta al bullismo – (Vedi Allegato 1)
Bullismo Cyberbullismo
Sono coinvolti solo gli studenti della classe e/o dell’Istituto Possono essere coinvolti ragazzi ed adulti di tutto il mondo
Generalmente solo chi ha un carattere forte, capace di imporre il proprio potere, può diventare un bullo Chiunque, anche chi è vittima nella vita reale, può diventare cyberbullo
I bulli sono studenti, compagni di classe o di Istituto, conosciuti dalla vittima I cyberbulli possono essere anonimi e sollecitare la partecipazione di altri “amici” anonimi, in modo che la persona non sappia con chi sta interagendo
Le azioni di bullismo vengono raccontate ad altri studenti della scuola in cui sono avvenute, sono circoscritte ad un determinato ambiente Il materiale utilizzato per azioni di cyberbullismo può essere diffuso in tutto il mondo;
Le azioni di bullismo avvengono durante l’orario scolastico o nel tragitto casa-scuola, scuola-casa Le comunicazioni aggressive possono avvenire 24 ore su 24;
Le dinamiche scolastiche o del gruppo classe limitano le azioni aggressive I cyberbulli hanno ampia liberta nel poter fare online ciò che non potrebbero fare nella vita reale
Bisogno del bullo di dominare nelle relazioni interpersonali attraverso il contatto diretto con la vittima Percezione di invisibilità da parte del cyberbullo attraverso azioni che si celano dietro la tecnologia
Reazioni evidenti da parte della vittima e visibili nell’atto dell’azione di bullismo Assenza di reazioni visibili da parte della vittima che non consentono al cyberbullo di vedere gli effetti delle proprie azioni
Tendenza a sottrarsi da responsabilità portando su un piano scherzoso le azioni di violenza. Sdoppiamento della personalità: le conseguenze delle proprie azioni vengono attribuite al “profilo utente” creato

 

PROTEGGERSI DAL BULLISMO E DAL CYBERBULLISMO

Il nostro manuale di istruzioni contro il bullismo:

Inquadra o clicca per andare al modello di segnalazione di presunti atti di bullismo o cyber-bullismo

 

  • POLICY and E-SAFETY dell’IC Travagliato – (Vedi Allegato)

SITI TEMATICI

REFERENTE DI ISTITUTO

La referente d’istituto per la lotta e la prevenzione degli episodi di bullismo e cyberbullismo è la prof.ssa Patrizia Gualla.

Allegati

Allegato1

pdf - 175 kb

Allegato2

pdf - 1473 kb

Allegato3

pdf - 97 kb

Allegato4

pdf - 675 kb

Allegato5

pdf - 1995 kb

Allegato6

pdf - 1067 kb

ePolicy_I.C

pdf - 3853 kb

Servizi collegati

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy